APPROFONDIMENTO (Corpo fisico- Corpo eterico)

Quando pensiamo al nostro corpo fisico con il quale abbiamo più familiarità, accettiamo (perchè possiamo farne esperienza attraverso i nostri sensi fisici) di prendere in considerazione i vari organi, gli apparati, il sangue ecc. ecc., ma quando parliamo del corpo fisico dobbiamo necessariamente parlare anche di un’ altro corpo, il corpo eterico che ne è parte integrante e che si forma nel periodo antecedente alla nascita, esso rappresenta la copia esatta del corpo fisico al quale dà vita, ma ha una costituzione più sottile perchè fatto appunto di materia eterica. Come per il fisico per mantenersi in salute ha bisogno di nutrimento ed il suo nutrimento è l’ Energia Vitale (PRANA) che riceve attraverso l’ aria che respiriamo che viene assorbita, metabolizzata e convogliata dai Chakra lungo i canali energetici, le Nadi. 1° CHAKRA (apparato scheletrico) I periodi in cui avvengono grandi cambiamenti nella vita, come un cambio di lavoro, un trasloco, una separazione, un lutto, mettono alla prova la nostra sicurezza, è come se perdessimo i nostri punti di riferimento quelli che abbiamo costruito con tanta fatica. Consideriamo l’ albero: quanto più robuste e solide sono le sue radici ed il nutrimento che riesce a procurarsi tanto più crescerà forte, vigoroso e stabile e sarà capace di resistere, affrontare e superare tutte le avversità della vita. L’ albero diventa per estensione l’ asse dell’ uomo, la colonna vertebrale, anche noi come l’ albero abbiamo bisogno di solide radici per poterci nutrire e per affrontare il viaggio della vita con tutte le sue difficoltà.   2° CHAKRA (Apparato genitale) Problemi utero- ovaie- prostata Potresti chiederti se ti capita di sentirti in colpa quando ti concedi di vivere ciò che ti procura piacere. Forse sei stato educato a pensare che la vita deve essere per forza faticosa, fatta di sacrifici, di rinunce,che viene sempre prima il dovere e poi il piacere ( senza considerare che quando si è felici si rende molto di più in ogni attività e che invece dopo aver lavorato tanto capita di essere così stanchi da non avere neanche voglia di considerare la possibilità di concederci momenti di piacere!) La vita è fatta di emozioni, quelle che ci fanno sentire di esistere, quando le neghiamo noi neghiamo la vita stessa! Ora se ci pensi gli organi sessuali sono collegati alla riproduzione, alla procreazione, alla nascita, al dare VITA non soltanto alla specie ma anche alla gioia. Quando non si permette alla vita di fluire si sente a volte il bisogno di compensare questa grave mancanza e spesso si diventa dipendenti da cibo, alcool, droghe creando piaceri illusori e dannosi. Quando non ci permettiamo di ascoltare le nostre emozioni, di riconoscere i nostri reali bisogni, neghiamo le gioie della vita potremmo andare incontro, da un punto di vista fisico a problemi di impotenza, frigidità, disturbi dell’apparato genitale, fibromi, adenomi, problemi all’ apparato urinario, rigidità lombosacrale ecc,; dal punto di vista psicologico potremmo soffrire di mancanza di autostima, fobie, panico e ansietà, anoressia, bulimia, disturbi alimentari. Riconosci ciò che la vita ti chiede : ti accorgerai che ti chiede semplicemente di viverla!   3° CHAKRA (apparato digerente) Le emozioni dovute alle esperienze della nostra vita devono essere comprese e assimilate, se non riusciamo a digerirle, se le tratteniamo, se non le esprimiamo le proiettiamo su noi stessi e rischiamo di ammalarci. Il nostro stomaco è una sorta di finestra tra la mente e le emozioni Quando non riusciamo a “digerire” ciò che ci capita o non riusciamo ad esprimere ciò che sentiamo nasce la Rabbia ed inneschiamo un processo autodistruttivo, il nostro stomaco manifesterà disturbi quali: bruciori di stomaco, gastriti,ulcere, intolleranze alimentari, allergie ecc Ma possiamo imparare ad accogliere le nostre emozioni ed esprimere l’aggressività in modo costruttivo.   4° CHAKRA (Il cuore) E se avessimo problemi di asma, ipertensione arteriosa, patologie cardiache, patologie polmonari? Potrebbero essere messaggi del nostro Cuore! Forse tendiamo ad amare gli altri soltanto in funzione del loro riconoscimento o di ciò che essi possono darci in cambio, oppure proviamo sentimenti di rancore, indifferenza, insensibilità, possessività, gelosia , egoismo, ma la cosa peggiore è che giudichiamo negativamente questo nostro modo di essere, se evitassimo il nostro stesso giudizio e se provassimo ad ascoltarci davvero potremmo semplicemente accorgerci di aver tanta Paura! Abbiamo paura di non essere amati e non ci accorgiamo che noi stessi siamo Amore Puro. Quando raggiungiamo questa consapevolezza riusciamo a provare simpatia per tutti e scopriamo la bellezza e l’ armonia in ogni cosa, scopriamo l’ Amore Incondizionato. Quando ci apriamo all’ energia del Cuore sviluppiamo la capacità di trasformazione e guarigione di noi stessi e degli altri, le nostre relazioni saranno positive, amorevoli ed ampatiche sia a casa che sul posto di lavoro, i famigliari e i nostri amici si fideranno di noi e si confideranno. Al lavoro saremo considerati persone amichevoli e tutti si sentiranno liberi di parlare con noi. Sentiremo una sincera gratitudine per tutto ciò che c’è di meraviglioso nella nostra vita, scopriremo la Compassione: I NOSTRI DISTURBI NON AVRANNO PIU’ MOTIVO DI ESISTERE..   5° CHAKRA (La gola) Magari credi di non aver nulla di importante da dire e che a nessuno possano interessare le tue opinioni e non le esprimi, la tua potrebbe essere soltanto paura di dire ciò che pensi per evitare un eventuale giudizio e quasi fai fatica a tirare fuori la voce, in questo modo neghi alla tua interiorità, al tuo modo di essere il diritto di esistere. Se sfuggi il contatto sociale, ti chiudi mentalmente con il rischio di avere poca stima di te impedendoti di credere nelle tue intuizioni, ma inconsciamente fai fatica ad accettare questo modo di vivere che può generare difficoltà ad ingoiare, mal di gola, afonia ricorrente, infezioni alle orecchie, mancanza di equilibrio, dolore alle mascelle, tensione al collo e alle spalle ed infezioni croniche della gola. Allora mi chiedo: Vale la pena vivere con il bavaglio? Dai Voce all’ Essere meraviglioso che è in te!.  6° CHAKRA (La testa) L’ uomo percepisce la propria realtà secondo il suo modo di pensare, secondo la propria cultura e le convinzioni radicate. Il sistema in cui viviamo è stato creato in modo che vivessimo nella paura e dimenticassimo i nostri poteri, individui tenuti costantemente nella paura sono facilmente influenzabili, manipolabili e gestibili e per questo, quando proviamo ad esplorare noi stessi ed il mondo attraverso una visione diversa da quella con la quale siamo abituati a confrontarci, entriamo in una zona che non conosciamo, anzi oserei dire che non ricordiamo e anche se ci appare meravigliosa la sentiamo irreale e quindi insicura, inevitabilmente abbiamo la percezione del pericolo e chiudiamo inconsapevolmente quel canale (terzo occhio) che ci permetterebbe di comprendere chi siamo e dove siamo diretti. Se facessimo un lavoro di ristrutturazione del nostro pensiero sintonizzandoci sulla Gioia probabilmente riusciremmo anche ad aprirci senza paura ad una realtà più vasta che potrebbe fornirci infinite informazioni per vivere una vita felice, ma la paura di allontanarci da ciò che riteniamo “sicuro” ci fa esercitare un eccessivo controllo sulla nostra visione interiore e con il tempo questo chiuderci continuamente alla bellezza alla quale potremmo accedere ci rende incapaci di fidarci della nostra facoltà di discernimento e delle nostre intuizioni. Con il tempo le negazioni che ci imponiamo possono dar vita a disturbi e malattie quali: Emicrania, difficoltà di attenzione, tensione oculare, acufeni, vista sfuocata, labirintite, esaurimento nervoso, pesantezza alla testa, sinusite, tremori, nevrosi, incubi, patologie psichiche in generale, confusione,sensazione di vuoto, stanchezza, insonnia, eccessive paure, rigidità mentale, materialismo. Sarebbe bello riconsiderare noi stessi da un punto di vista diverso e sicuramente più elevato e riconoscere le nostre capacità, i nostri talenti ed i doni che il Creatore ci ha generosamente elargito; possiamo fare un lavoro di ristrutturazione dei nostri pensieri coltivando una visione positiva della vita che ci libera dalla paura e ci restituisce all’ Amore. Credo che il più grande “peccato” dell’uomo sia quello di attraversare la vita dormendo, permettiamoci di aprire i nostri occhi e di VEDERE DAVVERO!!!     Finora abbiamo affrontato, anche se in modo superficiale le cause principali di alcuni disturbi che molte persone lamentano.Lo scopo era quello di portare a conoscenza di coloro che ancora non sanno che esistono realtà non visibili (ma estremamente importanti) oltre il nostro corpo fisico che determinano la qualità della nostra vita. Quando ci si occupa soltanto della cura del corpo i risultati che otteniamo di solito non durano a lungo se simultaneamente non cambiamo il nostro stile di vita attraverso un corretto modo di respirare, di pensare, di nutrirci, se non impariamo ad ascoltarci, a riconoscere e a dar voce alle nostre emozioni, a riappropriarci delle nostre risorse e a riconoscere e utilizzare i nostri talenti.

ABOUT AUTHOR

Tina Vastarella

NO COMMENTS

Comments are closed.

error: Contenuto protetto da copyright !